Fondazione Jorio Vivarelli
La materia della vita
Ragazze toscane

RAGAZZE TOSCANE

Oskar Stonorov, Jorio Vivarelli, 1965

 

 

Philadelphia, Pennsylvania Southwest corner, Cherry and the Parkway

Visualizzazione ingrandita della mappa 

 

L’eco della prestigiosa affermazione conseguita da Vivarelli e Stonorov nella metropoli americana e la necessità di seguire tra Pistoia e Philadelphia le operazioni per realizzare prima e trasferire poi la gigantesca fontana Ragazze Toscane, assorbirà l’attività del Maestro fino all’inizio dell’estate. Negli USA, intanto, la coppia artistica Vivarelli-Stonorov occupa le pagine dei giornali d’arte. Il pannello scultore Adam and Eve Mural suscita grande interesse fin dal giorno della presentazione del catalogo della grande mostra Art with Architecture che nel mese di maggio si apre alla Philadelphia Art Alliance «The wall, designed by Stonorov in collaboration with Jorio Vivarelli of Florence, will be a bronze network of concave and convex forms creating free-standing base relief. The main floor of the Stonorov and Haws offices structure will be used as an art gallery with changing exibitions of art and sculpture». C’è anche un piccolo, ma divertente, episodio che accade con la pubblicazione delle prime immagini dell’evento. Nella rivista d’arte statunitense la didascalia sotto la grande foto che ritrae Vivarelli con Stonorov titola letteralmente: «No, it’s not Danny Kaye. It’s florentine sculpor Jorio Vivarelli with Philadelphia architect Oskar Stonorov in their Pistoia, Italy, studio». Questo accade perché, come altrove abbiamo già detto, a questa età Jorio sembra davvero un perfetto sosia del celebre attore di Hollywood.

Stonorov, intervistato alla Fonderia Michelucci di Pistoia dove è di casa fin dal 1952 «… da quando, confessa, ho preso come punto d’arrivo Firenze e questa vecchia, cara, fonderia dove, caso raro, si può ancora lavorare alla maniera di Bernini» annuncia che verrà realizzata «… una fontana che sarà fusa qui e per questo mi avvalgo della collaborazione di Jorio Vivarelli. [il quale dal canto suo aggiunge] Oggi la scultura parla solo a chi frequenta le gallerie. È tempo di portarla nelle piazze delle grandi città»57, questo accadrà al di là dell’atlantico, la fontana Ragazze toscane, alta nove metri, è infatti destinata ad abbellire la piazza antistante l’Hotel Plaza di Philadelphia in america. [...]

Quando dalla Fonderia d’arte di Pistoia, sotto l’occhio vigile di Jorio e di renzo Michelucci, l’enorme carico dei 20 quintali di bronzo fuso per la fontana Ragazze Toscane prende la via del mare dal porto di Livorno viene salutato come «… un lavoro destinato a perpetuare nel tempo e in paesi lontani il nome di Pistoia. Oggi il binomio Vivarelli- Storonov costituisce una garanzia per imprese certamente destinate a lasciare traccia»69.

A maggio si tiene, sempre a Philadelphia, la rassegna di 35, tra artisti e architetti, le cui opere hanno già avuto una committenza pubblica o privata. Ciascuno si presenta con un trittico tra scelta tra dipinti, sculture, murali, vetrate destinati a diventare monumenti di chiese, università, biblioteche, municipi, grandi aziende e così via.

Con la dizione Sculptors Oskar Stonorov & Jorio Vivarelli, Architect Stonorov & Haws, figuravano nel catalogo della grande rassegna le seguenti opere: Fountain for Plaza Building, Work from Hopkins House, Four Season, Adam and Eve, Mural, Project-2000 Kennedy, Model of Fountain, tutto questo per l’esperienza artistica d’oltre oceano.