Fondazione Jorio Vivarelli
La materia della vita
Jorio Vivarelli a Firenze – La seduzione della “Maniera”
Categories: Eventi


La
Fondazione Jorio Vivarelli

è lieta di invitare la S.V.

all’inaugurazione della Mostra

 

Jorio Vivarelli a Firenze
La seduzione della “Maniera”

Lunedì 27 Maggio 2019 alle ore 18


Sale Mario Fabiani – Palazzo Medici Riccardi
Via Cavour 3, Firenze

Saluti di

Giulio Masotti e Ugo Poli
Fondazione Jorio Vivarelli

Federica Fratoni
Regione Toscana

Luca Iozzelli
Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia

Cristina Acidini
Accademia delle Arti del Disegno

Presentazione della mostra

Edoardo Salvi

La mostra rimarrà aperta
da
Lunedì 27 Maggio
a Venerdì 28 Giugno 2019

info
Fondazione Pistoiese Jorio Vivarelli

via Felceti, 11 Pistoia, tel 0573 477423

segreteria@fondazionevivarelli.it

sponsor


patrocini

 

     sconosciuto.png

 

La mostra Jorio Vivarelli a Firenze, la seduzione della “Maniera” è intesa ad enucleare – nel complesso della vasta ed eterogenea attività dello scultore – una serie di opere di piccole dimensioni realizzate dall’inizio degli anni ‘60 del secolo scorso alla metà del decennio successivo.

Nel corso dei vent’anni nei quali Vivarelli ha abitato a Firenze (1949-1969), si sono manifestati in lui un interesse e una attrazione non episodici per gli sviluppi del Manierismo nella scultura fiorentina della seconda metà del Cinquecento nei confronti delle opere di Giambologna, Ammannati, Cellini ed altri.

La mostra documenta, tra l’altro, precisi collegamenti tra le piccole sculture del nostro con il Ratto della Sabinae la Fontana dell’Oceano a Boboli, con laFontana dell’Ammannati in Piazza della Signoria, con la Ninfa di Fontainebleau e il Perseo di Cellini, nonché con altre opere di scultori manieristi come Vincenzo Danti. Molte delle piccole sculture in bronzo hanno avuto un esito in dimensioni monumentali nelle Fontane eseguite per l’America, in collaborazione con l’Architetto Oskar Stonorov, interventi documentati in mostra da appositi pannelli fotografici. Unica eccezione di ordine cronologico, tecnico e formale è costituito da una Figura in gesso modellata nel 1950, esposta come preludio a tutte le altre opere.